Malga Pozof (Marmoreana)

L’intervento di ristrutturazione degli edifici della malga, da parte dei proprietari, ha previsto il recupero storico della vecchia casera, a testimonianza di come una volta si svolgeva la vita in alpeggio. Nelle pozze della malga si possono trovare la biscia dal collare, il tritone alpino, la rana temporaria e la libellula. Sotto la malga, si scende lungo un pascolo alpino ricco di ortica (Urtica dioida subsp. dioica), felci (Pteridium aquilinum subsp. aquilinum) e arbusti di ontano verde (Alnus alnobetula subsp. alnobetula), assieme a iperico (Hypericum perforatum), achillea (Achillea millefolium), verga d’oro (Solidago virgaurea sl), barba di capra (Aruncus dioicus), farfaraccio bianco (Petasites albus), bardana (Arctium lappa), margherite (Leucanthemum vulgare), salvia montana (Salvia pratensis subsp. pratensis) e pinguicola (Pinguicola vulgaris).

Dettagli

Ubicazione

Ovaro (Ud)

Da Sutrio si sale alla Sella dello Zoncolan (1.730 m) e si scende poi lungo la strada che porta ad Ovaro. Dopo le strette gallerie si devia a destra su strada asfaltata e, in breve, si giunge al parcheggio di malga Pozof. Al bivio per malga Pozof si può giungere anche da Ovaro, attraverso la frazione di Liariis, su strada ripida ma ben asfaltata. Durante la stagione estiva, può funzionare la funivia che da Ravascletto porta direttamente al monte Zoncolan, da cui si può raggiungere l’alpeggio a piedi.

Accesso alla malga: Buono - Malga accessibile con autovettura

Proprietario

Privata

Quota (m.s.l.m.)

1583

Cartografia

Tabacco n. 09 Alpi Carniche – Carnia Centrale

Ristoro

Agriturismo. Si possono degustare le produzioni aziendali durante tutto il periodo di alpeggio.

Contatti: Michele Gortani

Cellulare: 368 37 45 660

e-mail: info@gortanifarm.it

Pagina di Facebook: agriturismo Gortani Malga "POzof" Zoncolan

 

E poi...

Dalla Sella dello Zoncolan, seguendo la viabilità sterrata sul versante Est del monte Arvenis, si possono visitare le casere Tamai, Agareit e Meleit.

Manifestazioni

Fasin la Mede 2018

Descrizione
A luglio, sui prati del monte Zoncolan, si rivivono i giorni della fienagione; ritornano per incanto le atmosfere di un mondo contadino in simbiosi con una natura madre, capace di affratellare in un istintivo sentimento di solidarietà, quando il lavoro diventa inno alla libertà, all’amicizia, alla gioia di vivere. 
Si rievocano i lavori della fienagione sul Monte Zoncolan: i “setors” (gli uomini) falciano l’erba e “las vores” (le donne) costruiscono “las Medes” (grandi covoni di fieno). Si mangia nei tradizionali stavoli ed in vari angoli di degustazione formano un percorso gastronomico-naturalistico. Una giornata all’aria aperta a 1.200 metri in un clima gioioso e festoso in cui la tradizione del lavoro del fieno si mescola alla creatività delle sculture col fieno.
Organizzato da:
Borgo Soandri, 0433.778921

Servizi

Punto d'interesse storico

Punto d'interesse botanico

Punto d'interesse faunistico

Punto d'interesse panoramico

Punto d'interesse architettonico

Musei

Percorsi mountain bike

Percorsi nordic walking

Percorsi trekking

Attrezzato per bambini

Agriturismo

Vendita prodotti caseari

Spuntini e pasti freddi

Somministrazione di pasti caldi

Foto

Pozof 1
Pozof 11
Pozof 7
Pozof 8
Pozof 4
Pozof 6
Pozof 3
Pozof 2
Pozof 5
Pozof 10
Pozof 9
Pozof 12